Piano transizione 4.0 L’importanza di innovare in azienda i processi di digitalizzazione per rimanere competitivi sul mercato

Con il Piano Industria 4.0 presentato in Italia nel 2017 si è dato avvio alla nuova politica industriale finalizzata ad agevolare le aziende che decidono di innovarsi digitalizzando i propri processi per ottimizzare costi, produzione e competitività, in modo che la performance d’impresa sia resa attraverso decisioni prese su una base di dati oggettivi. Questa è la strada da intraprendere per ottenere il sostegno del modello di industria che si intende porre in essere, con la possibilità di accedere ad importanti agevolazioni. Le linee guida stabiliscono il percorso che le aziende dovranno attuare per poter usufruire dei benefici e delle agevolazioni derivanti dall’adottare il modello dell’ Industria 4.0.

Questi benefici vanno oltre una mera definizione economica dell’agevolazione che è possibile ottenere; l’azienda attraverso la digitalizzazione dei processi interni acquisirà uno strumento di analisi  e decisionale che permetterà di misurare il proprio miglioramento in maniera oggettiva, e ne accrescerà il valore complessivo. Un investimento che porterà l’azienda a mantenersi competitiva sul mercato e a meglio posizionarsi. 


Quali le agevolazioni del piano industriale dal 2017 al 2020?

 
Il risparmio fiscale consentito dalle agevolazioni previste nel piano industriale hanno consentito un risparmio fiscale di circa il 40% calcolato sull’ importo del bene strumentale. Per avere un idea di quanto sia elevato il risparmio per l’azienda prendiamo ad esempio l’acquisto di un bene il cui valore sia di 10.000,00€: il suo beneficio fiscale si tradurrà in un risparmio di 4.000,00€

Suddividiamo in periodi di riferimento le agevolazioni 4.0: ricordiamone i passaggi


  • 01/2017 - 12/2018 Iper-Ammortamento del 250%

     (circa 36% di beneficio)

  • 01/2019 - 12/2019 Iper-Ammortamento del 270% (circa 40,6% di beneficio)
  • 01/2020 al 12/2020 Credito d'Imposta al 40%


Nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 : innovazione e rinnovamento a favore degli investimenti e del risparmio


Con la riformulazione del nuovo Piano Nazionale Transazione 4.0 è previsto un ampliamento e aumento delle aliquote di detrazione oltre alla possibilità di anticipazione della fruizione dei crediti d’imposta su beni immateriali, materiali e strumentali. Cambia la logica della vecchia normativa e possiamo rilevare a favore delle aziende importanti novità rispetto all’innovazione, alle tempistiche, al risparmio e dunque alle nuove agevolazioni.

Dal 16 novembre 2020, con decorrenza anticipata dunque , le nuove misure già in vigore avranno efficacia attuativa per i contratti di acquisto dei beni strumentali definiti entro il 31/12/2022. Prevedono un risparmio fiscale del 50% sull’importo totale del bene materiale acquistato e la fruizione dei crediti è ridotta a 3 anni in luogo dei 5 anni previsti fino allo scorso anno.

  

Come ottenere la 4.0

I benefici della 4.0 si possono ottenere semplicemente con l’acquisto di beni  strumentali che soddisfino determinate caratteristiche già anticipate dalle leggi precedenti ed ora definiti con precisione con l’ ”Allegato A” della nuova normativa che determina i requisiti tecnologi necessari. Integrazione automatizzata al sistema, interconnessione, utilizzo dati nel sistema produttivo, sono requisiti fondamentali per accedere a questi automatismi

L’azienda che vuole beneficiare della 4.0 deve necessariamente seguire l’indicazione della normativa e dotarsi di beni che abbiano come caratteristica l’innovazione, il creare “ valore aggiunto”, “L’integrazione e l’interconnessione dei processi finalizzati all’automazione attraverso l’utilizzo dei dati interni”. La 4.0 vuole razionalizzare il processo cognitivo e decisionale del sistema impresa. La normativa quindi favorisce le aziende che sono già dotate di un loro gestionale e intendano interconnettere il bene al gestionale stesso, o fare in modo che il bene sia funzionante in maniera automatica o semiautomatica. La circolare MISE del 23 maggio 2018 rende in maniera esplicita e analitica quali requisiti di interconnessione e integrazione automatizzata sono determinanti al fini di determinare il valore aggiunto necessario alla 4.0.


Link alla pagina del Ministero dello sviluppo economico con i dettagli del nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 : https://www.mise.gov.it/index.php/it/transizione40

Piano transizione 4.0 L’importanza di innovare in azienda i processi di digitalizzazione per rimanere competitivi sul mercato

Piano transizione 4.0 L’importanza di innovare in azienda i processi di digitalizzazione per rimanere competitivi sul mercato

Leave review
Con il Piano Industria 4.0 presentato in Italia nel 2017 si è dato avvio al...
Read More
Agricoltura e Industria 4.0

Agricoltura e Industria 4.0

Leave review
Il 2020 ha portato un rinnovamento degli incentivi a sostegno della trasfor...
Read More
ARRIVA L’INDUSTRIA 4.0?

ARRIVA L’INDUSTRIA 4.0?

Leave review
L’integrazione tecnologica di know how ,competenze, innovazione e processi...
Read More
LOCALIZZATORI GPS E TELEMATICA: IL FUTURO

LOCALIZZATORI GPS E TELEMATICA: IL FUTURO

Leave review
La telematica e il GPS sono soluzioni di localizzazione e di gestione della...
Read More
Iperammortamento, superammortamento, credito d’imposta e incentivi automatici le principali novità

Iperammortamento, superammortamento, credito d’imposta e incentivi automatici le principali novità

Leave review
La legge di bilancio 2020 nei commi dal 184 al 197 stabilisce nuovi incenti...
Read More
IoT (Internet of Things) - Meaning and Importance for Industry 4.0

IoT (Internet of Things) - Meaning and Importance for Industry 4.0

Leave review
The term "Internet of Things" (IoT) refers to all devices connected to the ...
Read More